Unlimited [Fiction Book] ☆ A Sun for the Dying - by Jean-Claude Izzo ò

By Jean-Claude Izzo | Comments: ( 888 ) | Date: ( Oct 14, 2019 )

Rico has been banished to society s margins he has neither a roof over his head nor a steady income on which to depend When a friend and fellow clochard dies of exposure after a night spent in the Paris metro, Rico decides to flee the northern cold for his beloved south, for Marseilles and the Mediterranean From the celebrated author of the Marseilles Trilogy, this is bRico has been banished to society s margins he has neither a roof over his head nor a steady income on which to depend When a friend and fellow clochard dies of exposure after a night spent in the Paris metro, Rico decides to flee the northern cold for his beloved south, for Marseilles and the Mediterranean From the celebrated author of the Marseilles Trilogy, this is both an affecting on the road novel and a tender exploration of love s power both to heal and to destroy.


  • Title: A Sun for the Dying
  • Author: Jean-Claude Izzo
  • ISBN: 9781609451707
  • Page: 419
  • Format: ebook

About Author:

Jean-Claude Izzo

Jean Claude Izzo was a French poet, playwright, screenwriter, and novelist who achieved sudden fame in the mid 1990s with the publication of his three noir novels, Total Chaos Total Kh ops , Chourmo, and Solea widely known as the Marseilles Trilogy They feature, as protagonist, ex cop Fabio Montale, and are set in the author s native city of Marseille All have been translated into English by Howard Curtis.Jean Claude Izzo s father was an Italian immigrant and his maternal grandfather was a Spanish immigrant He excelled in school and spent much of his time at his desk writing stories and poems But because of his immigrant status, he was forced into a technical school where he was taught how to operate a lathe.In 1963, he began work in a bookstore He also actively campaigned on behalf of Pax Christi, a Catholic peace movement Then, in 1964, he was called up for military duty in Toulon and Djibouti He then worked for the military newspaper as a photograph and journalist.



Comments A Sun for the Dying

  • Orsodimondo

    IL COLORE DELLA PROPRIA FERITALa storia è quella di Rico, un clochard (barbone, senza casa, senza fissa dimora, vagabondo, mendicante, accattone, straccione, randagio, homeless, brown-bag…) che vive per le strade di Parigi. Titì, il suo più caro amico, che con Rico condivide la strada, muore di freddo e stenti. Allora Rico decide di lasciare la capitale per andare a Marsiglia: Crepare per crepare, perlomeno crepare al sole. Questo pensiero lo spinge verso sud, alla ricerca di un calore che [...]


  • Josh

    Izzo's "A Sun for the Dying" is about fractured and painful memories and the loss and search for love, many times over. The author writes about a subject that many of us cannot relate to. The main character, Rico, is the down-and-out homeless guy that does what he can to survive, but also has pride enough not to break his own rulesuntil there's no other way to live.Memories are what Rico has: his body lives in the present while his mind lives in the past. Dreams are shattered. Coughing, hurting, [...]


  • Tony

    A SUN FOR THE DYING. (1999). Jean-Claude Izzo. ****. This is another excellent novel from Izzo, though this one is not a crime novel like those that make up his famous “Marseilles Trilogy.” This novel tells the story of Rico, a man who was like many other men, but who fell on hard times. He became a man of the streets; a homeless man. We learn the story of Rico’s life and loves, and watch him slowly go downhill, although he maintains throughout his self respect and love for other human bei [...]


  • Mosco

    Come si fa presto a passare da una vita normale alla strada!però è ben vero che vivendo da barboni non si incontrano mammolette e figlie di maria, ma accidenti, tutte a lui devono capitare? E' un po' quello che addebito anche alla trilogia di Marsiglia: bella, molto bella, ma per la miseria quanta sfiga porta Fabio Montale? ad incrociare il suo cammino si finisce come minimo morti sparati, rapiti, violentati. Peccato che Izzo se ne sia andato così presto.


  • Zuberino

    By sheer coincidence, right after I started this book, I chanced upon Rust and Bone, the latest film by French auteur/director Jacques Audiard. Ostensibly a hard-bitten romance set in Antibes just up the road from Cannes, the film is also a paean to the French working class. A lucky find, because it gave me another window on to contemporary France while reading J-C Izzo, although in truth the world that Izzo describes in A Sun for the Dying is several hellish circles lower than the level inhabit [...]


  • Gabriele

    Questa recensione non parte dal libro, ma poi alla fine ci arriva, spero.Diversi anni fa, era il periodo universitario, ero fuori con una ragazza e ci eravamo sistemati su una panchina, quando un senzatetto, un giovane che avrà avuto trenta/trentacinque anni, si era avvicinato e aveva attaccato bottone. Non so per quale motivo avesse scelto noi, forse perché aveva visto questa giovane coppia seduta su una panchina, ma aveva iniziato a raccontarci la sua storia. E non ricordo tutti i dettagli, [...]


  • Ajeje Brazov

    Beh che dire di questo libro, molto molto triste purtroppo, per certi versi anche straziante.Di certo l'argomento non può che essere così, perchè vivere per strada non deve facile. Il barbone o clochard o invisibile (come li chiamavano in una trasmissione che avevo visto in TV), è una persona come le altre che purtroppo ha perso "qualcosa" (la felicità) e qui Izzo ne delinea i tratti salienti di questo smarrimento.Non è facile per me dare un giudizio a questo libro, perchè non si parla de [...]


  • Mutlu

    Ein "Penner" erzählt. Die Welt wie sie war und wie sie aus den Fugen gerät. Bis zum Ende. Intensiv, gut geschrieben, berührend. Empfehlenswert!


  • Lukasz Pruski

    "That night, Rico decided to leave Paris. If he was going to die, he might as well die in the sun."I did not have an easy time reading Jean-Claude Izzo's A Sun for the Dying (1999). More than a half of the novel is written in an annoyingly didactic style, with the tone alternating between preachy and slightly patronizing. At the end of each short chapter I was almost expecting to see questions - for book club readers - about what the author wanted to convey in the chapter. Fortunately, I persist [...]


  • Mari

    Sono felici, ecco tutto. E la felicità tiene caldo.Non sempre si ha la forza di reagire alle avversità. A volte capita di essere travolti da un vortice di eventi negativi e per un’infinità di motivi ci si abbandona alla corrente, facendosi trasportare alla deriva, rinunciando a tutto, anche alla propria vita. E’ questo che succede a Rico, il protagonista di questo struggente romanzo di Izzo. Abbandonato dalla moglie, Rico diventa un clochard. Impara a vivere alla giornata, anche se chiede [...]


  • Gina Rheault

    If you remember Ratso Rizzo from the movie "Midnight Cowboy", sick and cold in wintry New York, heading south to the warmth of Florida, dying on a Greyhound Bus before he makes it, you will think he has been reincarnated into 1990's France. Rico used to have a job, a house, a wife and a son, but now he drinks too much, sleeps where he can, views his wife and son in the distance as they go about their lives. He has begged, he has just seen his best friend die alone of the cold in a Paris subway s [...]


  • David

    Paris is freezing, and when his friend Titi dies curled up in the subway, Rico decides to head for Marseilles, drawn by the sun and sea, and by memories of his youthful love, Léa, back when he was still alive. So begins the graceful slow-motion ballet of Rico’s journey to the coast, and back through his life, a descent into hell amidst the echo of closing doors: the loss of wife and son, of sobriety, of career, of parents, of love, of self-respect, until at last he is transformed into a socia [...]


  • Peter Weissman

    Could be the saddest book I ever read. And one of the best.


  • Don

    Homelessness, friendship, death, sex, violence, Marseilles. Let me drown, forever, amen.


  • Robin Friedman

    Down And Out In Paris And MarseillesJean-Claude Izzo (1945-2000) was born in Marseilles to immigrant parents, giving him the life of an outsider. In the 1990's Izzo wrote a series of noir novels, known as the Marseilles Trilogy, which made him famous. His final book, "A Sun for the Dying" tells the story of a homeless, down and out man in his 40s, Rico. For three years, Rico has lived on the streets of Paris. When his only friend, a homeless man named Titi, freezes to death at a metro stop, Rico [...]


  • Jim

    When I think about tramps, especially French tramps, I think about Beckett. The names Dédé and Rico even sound like Didi and Gogo and when I hit the following passage…      “What are we doing here, Dédé? Can you tell me that?”        “We’re waiting, dammit! I already told you.”well, the deal was sealed. But of course they’re not Didi and Gogo. Beckett’s tramps were ideals. Dédé and Rico live in the real world. Some things they wait for come—the mobile soup kitchen [...]


  • Francesca Maccani

    Ed. E/O-È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone. Ma dietro continua a vivere un uomo. E questo uomo, questo barbone, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto [...]


  • Sylvie Dupont

    Livre intéressant sur la condition de vie des SDF.On se rend compte qu'on peut très vite tomber très bas malheureusement, que rien n'est définitivement acquis.


  • Raphaela

    WOW is this book sad. It's fantastic, but oof, it's real sad. Be warned.


  • Biblibio

    From the very beginning, there's something special to "A Sun for the Dying". The book is written in a style that is on the one hand vivid and elegant, but the almost immediate obscenities fit into the narrative easily, without coming off strangely. "A Sun for the Dying" follows Rico, a bum living in Paris, as he decides to leave the freezing city that killed his good friend and instead move to the warmer Marseilles. Rico has memories of good times and a good love in Marseilles and hopes to recap [...]


  • Roberta

    Jean-Claude Izzo è famoso per la sua trilogia marsigliese (Caos totale, Chourmo e Solea) di cui ho letto il primo volume. Ho letto anche Marinai perduti, un romanzo singolo, e Aglio, menta e basilico, una raccolta di brani inediti. La prosa di Izzo, bellissima e dolente, è una miscela di malinconia e violenza, una medicina da assumere con cautela per gli effetti esplosivi che può avere. De Il sole dei morenti avevo sentito parlare così bene che non mi sono nemmeno chiesta di che cosa parlass [...]


  • GONZA

    Non si parte da Marsiglia stavolta, ma dai binari della metro di Parigi, dove, durante un inverno particolarmente rigido, muore un clochard, Titì. La sua storia viene brevemente accennata da quello che sarà il vero protagonista del romanzo: Rico, un uomo che varie vicissitudini e l'alcolismo hanno fatto precipitare "dalle stelle alle stalle", anche se poi sono veramente stelle quelle tra cui viviamo? o magari ci piace pensare così solo perchè le paragoniamo tra loro? Comunque l'approdo di Ri [...]


  • Ametista

    Rico subisce l'abbandono da parte della moglie, delle donne amate, dalla vita stessa che lo esocita in un'altra vita, in quella della strada, in cui l'energia vitale non ha la forza di pulsare. Poi sulla strada l'ineluttabile morte dell'amico Titì, l'ultimo frammento di vita in cui riusciva a trovare sostegno.Dalla morte dell'amico inizia il viaggio di Rico incontro ad una morte sempre più percepita.Man mano che si procede con la lettura i ricordi si fanno sempre più malinconici, si mescolano [...]


  • Martina Sartor

    Un uomo alla deriva. Un uomo deluso dall'amore. Un uomo che non ha più voglia di una vita normale, casa-lavoro-famiglia, perchè non ha più né casa né lavoro né famiglia. Ritrova una parvenza di famiglia fra gli altri clochard come lui, Titì, Dede, la giovane prostituta Mirjana, il ragazzino Abdou Ma Titì muore nel freddo inverno parigino, la giovane Mirjana viene riacciuffata e portata via e quello che credeva un amico gli gioca l'ultimo sporco tradimento,che annienta definitivamente la [...]


  • Francescopennesi

    Non c'è nessuno che riesce a scrivere di dolore così bene come Izzo. Nessuno. Ed è per questo che è il migliore di tutti: perché ha il monopolio assoluto nella narrazione del dolore all'interno del Mediterraneo. Questa volta Izzo parla di senza tetto. Rico, un uomo a cui la vita ha sottratto ogni cosa, lentamente, finché non se ne è andato anche l'ultimo barlume di speranza, decide di andare a morire a Marsiglia, città del suo primo amore. Ne Il sole dei morenti non vi è alcun cedimento [...]


  • piperitapitta

    la prima sensazione che affiora �� la delusione e non si tratta di quella subita da rico (il protagonista) dalla vita, ma della mia.ho sostenuto fortemente la lettura di questo libro, volevo assolutamente leggerlo, invecel'ho trovato banale e artefatto. non nelle intenzioni, che presuppongo essere state sincere, ma nello stile di scrittura adottato. secondo me l'errore di izzo �� stato proprio quello di cercare di entrare nella testa di rico, e questo temo sia proprio impossibile. si pos [...]


  • Dale

    I don't know much about Jean-Claude Izzo, but I think he must have been a very compassionate man. You can see it in his treatment of Algerians in the Marseilles trilogy, but it is very apparent in A Sun for the Dying. This is a novel about Rico, a homeless man. We first meet Rico as he is watching a friend die, helpless to do anything about it. We follow him on his wanderings in Paris in a cold winter, and get a small glimpse of the grinding challenges of living rough. Izzo gives us Rico's histo [...]


  • Rosalba

    e 1/2 * "Ormai non era che un unico blocco di ghiaccio, come l'acqua nei canaletti lungo i marciapiedi."Un romanzo triste, dolente, di solitudine, di ricordi che fanno male, di amori delusi, di abbandoni, di perdite senza speranza. La storia di Rico, così come quella di Titì, di Felix, di Mirjana e Dedè è la storia dei dimenticati, degli invisibili. E'la storia di coloro che vivono ai margini della società, di coloro che hanno perso tutto, la famiglia, il lavoro e vivono per la strada, schi [...]


  • Hank1972

    Izzo ci fa immergere nella vita da clochard, disperante e disperata, umiliante, durissima. Ed è agghiacciante e spaventoso perché è un incubo in cui tutti possiamo finire quando, con poche curve della vita, perdiamo tutto ciò che abbiamo, soprattutto gli affetti e la dignità, "perché quello che oggi è vero può non esserlo più domani" e "solo quando il mondo ti crolla addosso scopri l'orrore, che nel mondo esiste l'orrore, perché sei sbattuto in un'altra vita e incontri gente di cui non [...]


  • Catherine Woodman

    I liked the Marseilles trilogy, and was never convicned that they represented a mystery series--and this certainly is not. The story is of a man's fall from grace. He is married to a woman that he adores, and when another man covets her opening instead of responding in a way to show he is either worried or protective, he preens, thinking she is his. But the other man pursues her, and in the end woes her. Rico is unexpectedly alone and finds himself bereft--he know not what to do with himself, an [...]


Your email address will not be published. Required fields are marked *
Name *
Email *
Website
  • Unlimited [Fiction Book] ☆ A Sun for the Dying - by Jean-Claude Izzo ò
    419 Jean-Claude Izzo
  • thumbnail Title: Unlimited [Fiction Book] ☆ A Sun for the Dying - by Jean-Claude Izzo ò
    Posted by:Jean-Claude Izzo
    Published :2019-07-26T04:31:28+00:00